Società Civile Di Pietro Occhetto - Logo Gruppo Consiliare Comune di Bologna Titolo Il Cantiere Titolo
     
  scelta del carattere A A A
 

 

      

Comunicato stampa del 9 febbraio 2007


pagina per stampa


Rassegna Stampa

Uno su tre non versa la tassa per il banchetto in piazza - da "La Repubblica" ed Bo del 10 febbraio 2007 (file pdf)

La finanza nel suk della Piazzola trova 50 irregolari - da "L'Unità" ed Bo del 10 febbraio 2007 (file pdf)

D'Onofrio: "L'illegalità è dilagante" - da "Il Domani" del  10 febbraio 2007 (file pdf)

D'Onofrio: "Il 30% degli spazi è irregolare, c'è chi affitta in maniera illegale" - da "Il Bologna" del 10 febbraio 2007 (file pdf)

La finanza in Piazzola, nessuno passa i controlli - da "Corriere di Bologna" del  10 febbraio 2007 (file pdf)

Banchi abusivi e speculazioni, blitz della finanza in Piazzola - da "Il Bologna" del 10 febbraio 2007 (file pdf)

La piazzola passata al setaccio - da "La Repubblica" ed Bo del 10 febbraio 2007 (file pdf)

Santandrea: "Via la licenza a chi non paga" - da "La Repubblica" ed Bo del 10 febbraio 2007 (file pdf)

Piazzola, stanati gli evasori - da "Corriere di Bologna" del  10 febbraio 2007 (file pdf)

Ambulanti morosi Piazzola al setaccio - da "Il Resto del Carlino" del 10 febbraio 2007 (file pdf)

"Ma perchè il comune si è svegliato solo ora?" - da "Il Resto del Carlino" del 10 febbraio 2007 (file pdf)

La Gestor è in attesa di mosse dal Comune - da "Il Domani" del  13 febbraio 2007 (file pdf)

Piazzola, Gestor rischia il posto "I fatti si commentano da soli" - da "Il Bologna" del 13 febbraio 2007 (file pdf)

Scandalo in Piazzola - Evasioni, denunce e inefficienze ecco il "curriculum" di Gestor - da "Il Bologna" del 14 febbraio 2007 (file pdf)

 

 

 

 

home/rassegna stampa/ripristinare i diritti e la legalita’ nel mercato della piazzola







RIPRISTINARE I DIRITTI E LA LEGALITA’ NEL MERCATO DELLA PIAZZOLA

L’operazione eseguita, per conto dell’Autorità Giudiziaria da parte della Guardia di Finanza nel mercato della PIAZZOLA questa mattina ha confermato tutti gli elementi della denuncia che ho presentato nel mese di dicembre scorso e che sono stati ribaditi da numerosi ambulanti durante l’udienza conoscitiva presso la Commissione Consiliare.

In Piazzola esiste una condizione di morosità e di irregolarità intollerabili, che riguarda centinaia di operatori, anche se lo stesso Responsabile del Settore Acquisti del Comune dott. Cammarata, nel rispondere ad una richiesta di dati reali sulle morosità da me presentata, il 26 gennaio scorso dichiarava che “la situazione per gli anni dal 1998 in poi non è più accertabile in buona parte. Si può eventualmente approfondire la situazione al momento del passaggio dei dati a Gestor al 1.1.2004, anche tale attività richiederà tempi piuttosto lunghi”.
Come a dire, per il passato, rassegniamoci e mettiamoci una pietra sopra e cerchiamo di essere fiduciosi per un incerto ed infinito futuro!

I dati forniti dall’Ufficio Acquisti e dalla Gestor sono spesso non confrontabili e contraddittori fra loro ma, anche volendo prendere per buoni gli ultimi elementi sulla morosità forniti a seguito di sollecito dell’assessore Santandrea - al 6 febbraio - risulta la seguente situazione:

AMBULANTI MOROSI A CUI E’ STATO SOLLECITATO IL PAGAMENTO 134, di cui

1 - HANNO PAGATO LE QUOTE E SONO IN REGOLA CON I VERSAMENTI         15
2 - HANNO RICHIESTO UNA RATEIZZAZIONE                                               11
3 - HANNO VERSATO SOLO UNA PARTE DEL DOVUTO                                     3
4 - HANNO CHIESTO RATEIZZAZIONE E NON HANNO PAGATO                         5
5 - SONO COMPLETAMENTE MOROSI ED HANNO IGNORATO I SOLLECITI      100

Sono i dati riepilogativi del file allegato. Se avete tempo e voglia, ricavate il totale delle somme dovute. Ho eliminato ogni elemento di riconoscibilità del commerciante moroso.

Siamo ad una situazione di illegalità evidente che ogni venerdì vede gli ambulanti spuntisti (che non hanno diritto ad una piazzola fissa e che sostituiscono soltanto titolari assenti) pagare in contanti alla Gestor la quota di occupazione di suolo pubblico mentre il commerciante di fianco (uno dei 100 dello specchietto) è moroso o, finanche, occupa una piazzola cedutagli in modo illegale.

E’ quello che la Guardia di Finanza ha riscontrato e che ha costretto gli “spuntisti” a costituire una propria associazione con oltre 40 ambulanti, chiedendo all’Assessora Santandrea di partecipare al Tavolo che rivedrà i criteri per l’assegnazione degli spazi del più importante mercato della città.

E’ necessario arrivare in breve tempo ad una revisione dei criteri di assegnazione degli spazi e ad una verifica capillare della situazione esistente
E’ necessario valutare la rescissione del contratto con la società GESTOR, che non riesce a garantire il recupero delle somme dovute, neanche per i soli anni 2004,2005,2006.

Serafino D’Onofrio