SocietÓ Civile Di Pietro Occhetto - Logo Gruppo Consiliare Comune di Bologna Titolo Il Cantiere Titolo
     
  scelta del carattere A A A
 

 

 

articolo apparso su Agenzia Dire del 1 aprile 2005


pagina per stampa


 

home/rassegna stampa/HERA Bologna. Residenti in Comune: no a centrale V. Segantini

 


(ER) HERA BOLOGNA. RESIDENTI IN COMUNE: NO A CENTRALE V.SEGANTINI(2)

(DIRE) - BOLOGNA- Ma anche altri settori del centrosinistra, dopo
la relazione dei cittadini e la difesa di Hera, avanzano dubbi:
"Mi sarei aspettato si dicesse che le preoccupazioni dei
cittadini erano esagerate- afferma il capogruppo del Prc, Roberto
Sconciaforni- ma qui la situazione e' drammatica per centinaia di
famiglie". "E' una vicenda in cui sicuramente sono stati commessi
degli sbagli", riconosce il presidente della commissione Paolo
Natali (Dl), mentre Milena Naldi (Ds) promette: "Sollecitero' la
mia giunta per vedere quali sono i margini di correzione per
questo obrobrio". Da Forza Italia (e' stato il vicecapogruppo
Aldo Zechini D'Aulerio a sollecitare l'udienza conoscitiva di
oggi) viene un "no" netto alla centrale. Anche a prezzo di un mea
culpa rispetto alle scelte della ex maggioranza civico-polista:
"Se esistono anche responsabilita' dell'amministrazione
precedente non bisogna coprirle, se il progetto e' dannoso va
denunciato- dichiara Zechini- fu un grave errore allora non
coinvolgere il consiglio comunale".
Serafino D'Onofrio (Cantiere) ha chiesto alla giunta di
"rivedere completamente il sistema di rapporti tra Hera e il
Comune, visto che spesso l'azienda e' troppo lontana rispetto ai
cittadini su una serie di temi". A sostegno delle proteste degli
abitanti di via Segantini interviene anche l'Uppi (Unione piccoli
proprietari immobiliari): abbiamo deciso di appoggiare i
cittadini, afferma il presidente provinciale Uppi, Alberto Zanni,
"anche contro la svalutazione degli immobili che colpira' tutta
la zona".
(Bil/ Dire)