Società Civile Di Pietro Occhetto - Logo Gruppo Consiliare Comune di Bologna Titolo Il Cantiere Titolo
     
  scelta del carattere A A A
 

 

 

intervento di inizio seduta in  consiglio comunale del 19 febbraio 2008


pagina per stampa


Rassegna Stampa

Bilancio approvato per un voto. E il Pd si spacca sui gay - da "Il Resto del Carlino" del 23 febbraio 2008 (file pdf)

La Giunta approva il Bilancio ma grazie ad appena un voto - da "Il Bologna" del 23 febbraio 2008 (file pdf)

 

 

Documenti correlati

 

 

 

 

home/interventi/il bilancio della disillusione

 





IL BILANCIO DELLA DISILLUSIONE

L’anno prossimo voteremo un bilancio preelettorale, che non farà testo. Il primo bilancio, quello del 2005, fu il bilancio della fiducia, dopo la vittoria elettorale di 6 mesi prima. Nonostante si udissero già molti scricchiolii, quello del 2006 fu il bilancio della speranza, tanto è vero che l’Altra Sinistra presentò 4 Odg che vennero approvati. I rumori sinistri (ma non di sinistra) si moltiplicarono nel tempo e il bilancio del 2007 fu il bilancio del dubbio. L’Altra Sinistra presentò una valanga di Odg che furono approvati e regolarmente disattesi. Questo del 2008 è il bilancio della disillusione e ci asterremo, sfiniti!

Giungiamo al traguardo della votazione di venerdì 22 febbraio, dopo una serie interminabile di incontri, vertici, riunioni tecniche, approfondimenti tematici, documenti, contro-documenti ecc.. Un’altalena stressante, nella quale abbiamo resistito esclusivamente grazie alle relazioni di Gianguido Naldi ed alla pervicace insistenza di Milena Naldi. Entrano in Maggioranza. I loro sforzi meritavano un risultato migliore ma loro si accontentano e speriamo che godano.

L’Altra Sinistra si asterrà perché, dopo un esame radiografico del nostro documento programmatico, abbiamo ottenuto impegni politici che dovrebbero trasformarsi in impegni finanziari. Avremmo voluto vedere i soldi e per ora ci sono promesse. Quindi il voto di astensione è fin troppo benevolo.

La distanza fra la Giunta e la nostra Area è enorme ed é pari solo alla distanza che gli assessori hanno dalla città e dai suoi problemi quotidiani e reali. Gli assessori di Cofferati (fanno eccezione 2 o 3) non prevedono l’ascolto, il dissenso, la possibilità di integrazione con nuove proposte. Come se in testa avessero un microchip che attiva solo la modalità di “illustrare il proprio percorso” e talvolta di “incazzarsi” nei confronti delle contestazioni più insistenti.

Io rivendico, come attività consiliare, qualsiasi intervento, qualsiasi domanda o proposta fatta in Consiglio Comunale e nelle Commissioni. Se le proposte o le critiche giungono dalla Minoranza c’è una ragionevole presunzione di ritenerle strumentali, fuorvianti o propagandistiche. Ma, negli scorsi anni, gli assessori ed il Sindaco hanno tenuto atteggiamenti di indifferente sufficienza anche verso le eccezioni sollevate dall’Altra Sinistra, che non governa da due anni ma che ha sostenuto la Maggioranza fino a settembre, in modo critico.

Ieri Monteventi ha ricordato il problema del recupero del cibo non distribuito nelle scuole. Nella votazione di bilancio di due anni fa il Consiglio Comunale ha impegnato la Giunta ad iniziare (allora) una sperimentazione che avrebbe dovuto far distribuire ai bisognosi il 10% del cibo prodotto e non somministrato. La Giunta sostiene da tempo un progetto “il buono che avanza” che noi condividiamo e che prevede il recupero di sostanze alimentari in scadenza dai supermercati. Lo abbiamo definito “un ottimo mezzo progetto” perché manca l’altra parte. Nonostante Seribo sia una società di cui il Comune è socio di maggioranza e nonostante ne sia amministratore uno stretto collaboratore del Sindaco, non ci si riesce. Si nega il problema e si rinvia ad altri tavoli, preferendo ignorare una legge dello Stato che prevede di effettuare tale raccolta e tale distribuzione. La conclusione è che nelle scuole i panini imbustati singolarmente e la frutta vengono buttati via o si consente alla Seribo di consegnarne quantitativi inferiori a quelli previsti. Sul cibo biologico, equo- solidale, sul cibo certificato abbiamo avuto gli stessi problemi e quello che è possibile nelle scuole di Roma, da anni, non è possibile a Bologna.

Ma rimaniamo nella scuola.

La vicenda delle Aldini si é conclusa con un voto contrario dell’Altra Sinistra alla frettolosa statalizzazione rifiutata dai docenti. L’assessora Virgilio, pochi giorni dopo in un documento, ha riassunto a modo suo la situazione, dando grande valenza politica al voto di immediata esecutività delle delibera che, cortesemente, avevano dato solo due consiglieri dell’Altra Sinistra. Una mistificazione gratuita.

Tutti i giornali della città sono ogni giorni spietati sulla condizione della Sanità bolognese (le attese al Pronto Soccorso, il sovraffollamento, gli episodi gravi di malasanità, lo stress e il carico di lavoro del personale). Il nostro Assessore si indigna ed è insofferente di fronte alle critiche, che riguardano una gestione autonoma di competenze che non sono del Comune di Bologna.

All’Aeroporto, la Magistratura indaga su un vicenda gravissima, denunciata anche da anni da questi banchi, che ha scoperchiato un pentolone maleodorante di truffe, malaffare, corruzione. Il problema riguarda anche la precarietà di centinaia di lavoratori degli appalti ed il posto di lavoro di oltre 30 operai licenziati. E il Comune fa finta di niente, come se non ne fosse il più importante socio pubblico. Dopodomani incontreremo i sindacati ed i lavoratori dell’Aeroporto ma hanno rifiutato di presentarsi sia gli amministratori nominati dal Sindaco che lo stesso Cofferati. Il Sindaco, però, fa sapere che si affretterà a nominare un nuovo consigliere al posto del dimissionario Bernabe’.

Abbiamo ottenuto, con il consenso dei sindacati, che venga adibita ad albergo popolare la Struttura di via del Pallone, che Agio non vuole più tra i piedi. Nel frattempo, rimane nebuloso il percorso che porterà all’acquisizione ed all’utilizzazione delle casette prefabbricate del villaggio olimpico di Torino. E così anche per altre strutture di accoglienza collettiva.

Pare che l’assessora Patullo avrà anche la delega ai giovani. In nome di un’amicizia incomprensibilmente finita una anno fa, le auguro di non ripetere gli errori che hanno allontanato l’Amministrazione dal volontariato sportivo bolognese. Una realtà che, nella storia della Bologna repubblicana, è stata motore di consenso politico ma è stata soprattutto garanzia di coesione sociale. Forse avremo un’assemblea cittadina delle società sportive. Sarà un’occasione per rivederli tutti insieme. Ma ricordo all’Assessora che tali sedi consultive (la Consulta dello sport) una volta erano luoghi celebrativi di una realtà che, però, lavorava a fianco del Comune con impegno quotidiano, riconosciuto ed apprezzato.

Nella città seconda in Italia per pressione fiscale e per le contravvenzioni non si può pensare di avviare una stagione di grandi opere pubbliche contro il parere dei residenti, delle associazioni di commercianti e artigiani, contro l’opinione degli urbanisti e delle forze politiche della Sinistra. La testardaggine, in questo campo, è parallela all’autosufficienza che caratterizza il Partito Democratico da un paio di mesi. Il Civis non ci piace e, se tecnicamente possibile, crediamo che sia utile un referendum che vada oltre l’elemosina di qualche posto macchina che Zamboni vorrebbe dare a chi protesta.

L’Amministrazione finora ha preferito rinnegare il programma elettorale sul Civis, sugli insediamenti in collina, sul parcheggio della Manifattura delle Arti per paura di attivare contenziosi legali onerosi o avventurosi. L’unica eccezione è stato il metrò, trasformato in metro-tranvia, pur di fare una grande opera. Nel frattempo, giace da anni un Odg che prevede il raddoppio del binario di cintura per collegare fiera e stazione con costi di realizzazione ridicoli. Quale è stato l’impegno del Comune per andare avanti, come indicato dal Consiglio Comunale.

Abbiamo presentato anche quest’anno un Odg per istituire un fondo di solidarietà e un Regolamento per riconoscere i danni ed i disagi subiti da operatori commerciale e residenti nella realizzazione di opera pubbliche. A Roma, tale provvedimento è attivo da un anno e mezzo. Anche lo scorso anno presentammo questa proposta civile e ci fu promesso un gruppo di lavoro per approfondire il problema. Non se ne è fatto più nulla. Vediamo come andrà quest’anno!

Ho grande stima per tanti colleghi del PD che si preparano a votare questo bilancio disciplinatamente. Ma non siete stanchi? Come può una persona come Melega, che ieri è intervenuto con misura, passione civile e competenza sui problemi della laicità e della libertà delle donne, non vedere il vuoto che c’é.

Cofferati abilmente trascina ogni problema per mesi, mentre gli assessori pontificano, senza ascoltare. Eppure, a Bologna ci sono state generazioni di bravi assessori, sindaci e consiglieri. L’entusiasmo di Guido Fanti è lo stesso da 30 anni. E questa considerazione vale anche per i democristiani, Marabini, Tesini, che avevano nel cuore il futuro di questa città. Loro!



Serafino D’Onofrio