Società Civile Di Pietro Occhetto - Logo Gruppo Consiliare Comune di Bologna Titolo Il Cantiere Titolo
     
  scelta del carattere A A A
 

 

 

Intervanto di inizio seduta nel Consiglio Comunale del 16 gennaio 2006


pagina per stampa


Rassegna Stampa

Giorni decisivi per i corsi Aldini - da "Il Domani" dell'17 gennaio 2005 (file pdf)

 

 

 

 

 

home/interventi/rispettare gli impegni assunti per l'aldini valeriani







INTERVENTO DI INIZIO SEDUTA: SUL RISPETTO DEGLI IMPEGNI ASSUNTI PER LE ALDINI VALERIANI



Sì, grazie Presidente. Nel formulare la nostra dichiarazione di voto sul bilancio, come Altra Sinistra in Comune, noi abbiamo fatto alcune precisazioni, che avremmo incalzato la Giunta sugli impegni presi come maggioranza in occasione della votazione sul bilancio. Abbiamo precisato in quell'occasione che saremmo stati inesorabili, saremmo stati molesti, per vedere se agli impegni presi sulla carta corrispondevano poi volontà concrete nei fatti. Purtroppo, pochi minuti dopo il voto, nel corridoio fuori dalla sala del Consiglio comunale, incontravamo una delegazione di docenti dell'istituto Aldini che rilevavano negativamente l'intenzione dell'assessore Virgilio che voleva scrivere una lettera nella quale si allertavano i genitori sulla possibilità che i tre corsi contestati avrebbero potuto non raggiungere il numero sufficiente di adesioni. Quella sera stessa ma anche successivamente, come consiglieri dell'Altra Sinistra, abbiamo contestato questa scelta, che riteniamo tuttora autolesionista per un'amministrazione che dovrebbe ritenere l'istituto professionale Aldini Valeriani un gioiello di famiglia e non un futuro ramo secco. Nei giorni scorsi poi abbiamo registrato anche un infelice intervento dell'assessore provinciale Ribaudengo, che faceva previsioni possiamo dire pessimistiche, o addirittura iettatorie sul numero scarso di iscrizioni che la scuola avrebbe ricevuto nei corsi in questione. Fortunatamente abbiamo registrato poi un colpo di reni, un colpo di reni del Preside, il professor Sedioli, che non era stato a fianco dei suoi insegnanti fino ad allora, e che invece ha risposto che la partita è tutt'altro che chiusa. Il Preside quel giorno, e gli insegnanti fin dall'inizio della vertenza, hanno avuto ragione ad avere fiducia nelle potenzialità della scuola, perché nella giornata dell'orientamento i cittadini sono entrati numerosissimi all'istituto Aldini Valeriani. Molti genitori hanno espresso la loro solidarietà agli insegnanti, agli studenti e al modello formativo che questa scuola porta avanti da anni, anni e anni. Noi riteniamo che la nostra Amministrazione debba dare un segnale politico positivo di buon governo per valorizzare questa esperienza, un'esperienza didattica, un'esperienza scientifica, un'esperienza umana vecchia di anni e valida. Il primo impegno del Comune deve essere quello di trovare i finanziamenti, questi maledetti 380 mila euro. I tavoli aperti dall'Amministrazione con diversi interlocutori istituzionali, sindacali, economici, devono portare a questa prioritaria missione: trovare i soldi per non mortificare il sistema di formazione professionale della nostra città che coinvolge anche altri importanti istituti cittadini. Noi vogliamo quindi che anche i corsi di meccanico, di elettrico, di grafico pubblicitario siano parte integrante dell'offerta formativa dell'istituto Aldini Valeriani, che intendiamo rimanga così.
Un istituto comunale che non venga acquistato dal primo generoso finanziatore che tira fuori un pò di soldi. Così come hanno chiesto gli insegnanti, come hanno chiesto le organizzazioni sindacali, che in queste settimane hanno attivato una mobilitazione a cui guarda con simpatia e solidarietà la parte più sensibile della nostra città. Grazie.
 

Serafino D'Onofrio