Società Civile Di Pietro Occhetto - Logo Gruppo Consiliare Comune di Bologna Titolo Il Cantiere Titolo
     
  scelta del carattere A A A
 

 

 

Domanda di attualità nel Consiglio Comunale del 27 febbraio 2006


pagina per stampa


Documenti correlati

 

Rassegna Stampa

Zamboni rassicura i residenti del Pratello - da "Il Domani" del 28 febbraio 2006 (file pdf)

 

 

 

 

home/interventi/via del pratello - no limits






VIA DEL PRATELLO – NO LIMITS

Alcuni giorni or sono l’assessore Zamboni ha partecipato ad un incontro pubblico sui problemi della mobilità organizzato dalla rete Unirsi. Nell’incontro, l’Assessore non ha dato risposte alle domande formulate dai tecnici e dai cittadini, dicendo di essere intervenuto per ascoltare. Tale scelta ha provocato delusioni, come evidenziano alcuni interventi sul forum dei comitati anti-smog, da chi si attendeva argomentazioni a difesa di scelte come Sirio, metro, Teo, Civis e come la mancata semipedonalizzazione di via del Pratello.

E veniamo, proprio, a questo tema. Via del Pratello, nel 1995, dopo la storica pedonalizzazione di via D’Azeglio, diventava la seconda strada pedonalizzata della città. Anzi nel Pratello veniva realizzato un intervento urbanistico di riqualificazione che intendeva caratterizzare in modo inequivocabile la strada come “pedonale”. Perché, altrimenti, realizzare una pavimentazione con i ciottoli simile a quella di Piazza S. Stefano?

Da allora, gli inconvenienti si sono moltiplicati. L’urbanista che ha voluto la scelta della pedonalizzazione, sicuramente, non aveva immaginato la presenza anche di 12 dehors di dimensioni varie.

Ma nessuno, dopo la scelta di attivare finalmente i “fittoni” mobili nella parte terminale della strada (lato porta S. Isaia), poteva immaginare che si sarebbe aperto il traffico a migliaia di veicoli, nell’altro pezzo della strada. E, d’altra parte, anche la zona “fittonata” è aperta (con fittoni giù) dalle 6 alle 10.30 e dalle 15,30 alle 16,30.

Il nuovo cartello stradale, apposto pochi giorni or sono all’incrocio con via Pietralata in direzione –Centro, riporta la seguente dicitura: - AREA PEDONALE - Eccetto veicoli con contrassegno ZTL dalle 6 alle 19.
I comitati della strada hanno obiettato che, alla data del 31 dicembre scorso, i veicoli autorizzati al transito nella ZTL erano circa 71.000 e che, in tal modo, la pedonale via del Pratello viene parificata a via S. Felice, via S. Isaia, via S. Vitale ecc.
Anzi, in via del Pratello, c’è anche il transito pericoloso delle biciclette contromano (visto che è una sedicente strada pedonalizzata). Ripelilogando: 71.000 possibili veicoli in direzione-Centro, 12 dehors, acciottolato e biciclette autorizzate ad andare contromano).

Chiedo

1 - perché l’apertura dell’itinerario Pietralata-Pratello-Piazza S.Francesco a tutti i possessori di pass per la ZTL;
2 - perché, invece, non si applicano i fittoni elettronici anche nella direzione-Centro, visto che erano previsti dalla Determinazione Dirigenziale – Settore Ingegneria civile e Infrastrutture – Pg n° 193132/2003, che autorizzava l’accesso soltanto ai residenti nell’intera via del Pratello ed in via delle Moline.


Serafino D’Onofrio