Società Civile Di Pietro Occhetto - Logo Gruppo Consiliare Comune di Bologna Titolo Il Cantiere Titolo
     
  scelta del carattere A A A
 

 

 

Domanda di attualità nel Consiglio Comunale del 13 febbraio 2006


pagina per stampa


Documenti correlati

Risposta dell'assessorato Ambiente e Mobilità alla domanda di attualità di Serafino D'Onofrio in merito ai cumuli di terreno stoccati nell'area del cantiere della nuova stazione AV di Bologna - 13 febbraio 2006 (file pdf)

Rassegna Stampa

D'Onofrio: "Terreno inquinato in via Carracci" - da "Il Resto del Carlino" ed Bo del 15 febbraio 2006 (file pdf)

Allarme inquinamento nel cantiere Tav - da "Il Domani" del 14 febbraio 2006 (file pdf)

 

 

 

 

 

home/interventi/finalmente è sorta una collina al quartiere navile






FINALMENTE E’ SORTA UNA COLLINA AL QUARTIERE NAVILE

E’ di alcuna giorni fa la grave denuncia dell’Associazione Esposti Amianto, che ha individuato, in piena collina vicino alla struttura dove si esercita il tiro al piattello, un’area verde utilizzata per lo “smaltimento abusivo di detriti provenienti da attività edilizie e di cemento amianto”. L’Associazione, nel denunciare il fenomeno, chiede che, a 15 anni dall’entrata in vigore della normativa, si rilanci un censimento dei siti pericolosi.

E allora, veniamo al Quartiere Navile, in via Carracci di fronte ai civici n° 69, dove non vengono smaltiti abusivamente materiali nocivi, ma dove si è materializzata, non per fenomeni vulcanici ma grazie ai lavori TAV della ditta Astaldi, una collina di terreno inquinato.

Forse i bambini del quartiere, che hanno visto soltanto paesaggi di pianura, stanno facendo grandi sogni su quello scenario lunare fatto di crateri allagati e piccole montagne dai pendii scoscesi. Così, alcuni giorni fa, un ferroviere in pensione che abita lì da sempre, mi chiedeva perché non fosse possibile utilizzare un po’ di quel terreno per sistemare una vicina area piena di buche dove, sia gli anziani che i bambini, incontrano non pochi disagi.

Ho cercato di spiegargli che, per il decreto-Ronchi n° 22/97, quel terreno non è utilizzabile per coltivare melanzane o per altri usi civili. La legge, infatti, seleziona i terreni di scavo in tre categorie:
                   1. terreni utilizzabili per qualunque uso,
                   2. terreni nocivi da smaltire secondo rigide procedure,
                   3. terreni, come quello di via Carracci, che sono inquinati e, quindi, utilizzabili soltanto per usi analoghi ai precedenti.

Le colline di via Carracci sono formate dal terreno della stazione di Bologna, sul quale negli anni, sono circolati milioni di locomotori, carrozze, carri merci, cisterne e carrelli. E’ terra mescolata ad olii, catrame, petrolio, fibre di amianto (le famose pietrine verdi di cui non si parla più). Terra inquinata accantonata lì da mesi, che, con il vento, entra nelle case vicine, si deposita lungo la strada e viene inalata da qualunque persona transiti in via Carracci o sia presente in stazione.

chiedo
che l’Amministrazione Comunale accerti:

1. se è stata verificata la natura nociva o soltanto inquinata del terreno
2. a quante tonnellate di materiale corrispondono le collinette;
3. se l’attuale dislocazione del terreno è conforme al disposto della legge in materia di stoccaggio, anche temporaneo di materiali inquinati;
4. a quale sito ferroviario è destinato il terreno;
5. se è stato già predisposto un piano di trasporto e quali saranno i tempi, gli itinerari obbligati, quanti i transiti di camion quotidiani, secondo le prescrizioni di legge.

Serafino D’Onofrio