Società Civile Di Pietro Occhetto - Logo Gruppo Consiliare Comune di Bologna Titolo Il Cantiere Titolo
     
  scelta del carattere A A A
 

 

 

Intervento del Consigliere D'Onofrio in data 18.04.05


pagina per stampa


Rassegna Stampa

Scuola Bologna. Virgilio: Pappe Bio al 20%, acceleriamo - da "Agenzia Dire" del 18 aprile 2005

Pappe Bio, si accelera - Paruolo: "Presto un piano antispreco" - da "Il Domani" del 19 aprile 2005 (file pdf)

L'assessore Virgilio: "Pappe Bio dal 7 a l 20% nelle scuole - da "L'Unità" ed Bo del 19 aprile 2005 (file pdf)

Cibo, lo spreco quotidiano (file pdf) - da La Repubblica" del 16 aprile 2005

 

home/interventi/in data 18 aprile 2005

 

DOMANDA DI ATTUALITA' PER IL CONSIGLIO COMUNALE DEL 18 APRILE 2005

 

LE DIETE DI SERIBO E LA QUALITA’ DEI PASTI NELLE SCUOLE



Mercoledì 13 aprile presso le scuole “Longhena” si è tenuta un’affollata assemblea di genitori. Erano presenti rappresentanti delle scuole “Chiostri”, “Fortuzzi”, “Cremonini Ongaro”, “Garibaldi”, “Don Milani”, “Romagnoli”, “Longhena”, “Gualandi” e delle scuole materne “ Gabelli”, “Bacchi”, “Baroncini”, “Giaccaglia Betti”, “Rocca”.

I genitori, relativamente ai pasti distribuiti nelle scuole, hanno preannunciato un’azione legale nei confronti dell’Amministrazione Comunale e di SERIBO spa, per:

/ la scarsissima presenza di prodotti provenienti da coltivazioni biologiche;
/ la mancanza o la sommarietà delle schede-prodotto (alcune sono datate 2003);
/ la scarsa qualità dei prodotti utilizzati (i succhi di frutta distribuiti sono della marca più scadente, venduta soltanto nei Discount);
/ la monotonia dei pasti predisposti.

Alcuni genitori hanno sollevato problemi riguardanti la possibilità reale di avere delle diete differenziate, su richiesta del medico scolastico.

In particolare, i pasti somministrati da SERIBO spa sono ricchi di carboidrati, patate e carote.

Tali ingredienti non sono tollerabili per i bambini affetti da diabete e alcune mamme e maestre hanno confermato che SERIBO non predispone una dieta variata per diabetici ma che invita a scegliere quella per i bambini ciliaci, che è un po’ simile.

Vista l’approssimazione dell’approccio al problema,

CHIEDO

1 - di sapere se l’Amministrazione Comunale è a conoscenza di tali inconvenienti,
2 - se ritiene di accertare presso SERIBO spa la possibilità che, anche i bambini affetti da diabete, possano godere di una dieta specifica, priva di alimenti per i quali è accertata l’intolleranza.


Serafino D’Onofrio