Società Civile Di Pietro Occhetto - Logo Gruppo Consiliare Comune di Bologna Titolo Il Cantiere Titolo
     
  scelta del carattere A A A
 

 

 

Intervento del Consigliere D'Onofrio in data 11.04.05


pagina per stampa


Rassegna Stampa

Nuove 'truppe' anche per le multe - da "Il Resto del Carlino" del 12 aprile 2005 (file pdf)

Sicurezza Bologna. Mura: indagine di mercato per Pakistani - "Aiutiamo negozianti a cambiare - da "Agenzia Dire" del 21 aprile 2005

 

home/interventi/in data 11 aprile 2005

 

DOMANDA DI ATTUALITA' PER IL CONSIGLIO COMUNALE DELL'11 APRILE 2005


UN OPUSCOLO INFORMATIVO PER I LOCALI


Il problema del vivere a Bologna è all'onore dei quotidiani ogni giorno, dopo l'entrata in vigore delle due Ordinanze. Negli ultimi giorni si registrano varie reazioni:

Il prof. Pavarini, docente universitario, si indigna che, finora, l'Università sia stata assolutamente assente su questa vicenda anche se pare che, finalmente, si incominci a parlare (ma solo a parlare) della necessità che l'Ateneo metta a disposizione per gli studenti spazi propri di intrattenimento (sale, biblioteche, cortili ecc.);


I vigili urbani stanno facendo uno sforzo titanico che, però, hanno già preannunciato non potrà durare in eterno;


I gestori dei locali sono arrabbiatissimi e coloro che sono già stati multati pensano a ricorsi al TAR;


Il Questore dichiara una disponibilità piuttosto tardiva a presidiare il territorio con proprie forze;


I residenti continuano a non dormire ed a chiedere l'intervento della polizia municipale, pur non vedendo apprezzabili cambiamenti nella loro condizione di vita.



Chiederò all'Amministrazione il quadro degli interventi eseguiti, delle segnalazioni ricevute dai vigili, almeno, dopo tre-quattro settimane di applicazione delle Ordinanze.

Credo che, però, sia necessario dare una maggiore informazione sulle due Ordinanze ed anche su altre norme di sicurezza ed igieniche che riguardano sia i locali di asporto che i locali di somministrazione. In tali locali prestano spesso servizio studenti e lavoratori occasionali che nulla sanno delle norme da rispettare. Tale problema è, ovviamente, più complesso per gli esercizi gestiti da cittadini stranieri, in cui spesso sono presenti conoscenti e familiari che non conoscono per niente la nostra lingua.

CHIEDO

Se la Giunta non ritenga utile la pubblicazione e la diffusione di un opuscolo informativo con vignette e in più lingue (comprensibile anche da pakistani, cinesi, turchi e slavi), che spieghi e semplifichi il contenuto delle due Ordinanze e che dia informazioni sul rispetto delle norme igieniche previste dall'USL e sulla presenza della cassetta di Pronto Soccorso all'interno del locale.


Serafino D'Onofrio