SocietÓ Civile Di Pietro Occhetto - Logo Gruppo Consiliare Comune di Bologna Titolo Il Cantiere Titolo
     
  scelta del carattere A A A
 

 

Zona Universitaria: proposte del Quartiere San Vitale


pagina per stampa


Articoli Correlati

 


Rassegna Stampa

 

 

home/documenti/zona universitaria: proposte del Quartiere San Vitale

 



ZONA UNIVERSITARIA: proposte del Quartiere San Vitale

II Consiglio di Quartiere San Vitale, dopo un percorso di consultazione e approfondimento dei temi relativi alla zona universitaria svolta tramite il Tavolo dý concertazione creato in dicembre, e dopo l'introduzione delle prime normative da parte dell'amministrazione comunale- ha sentito l'esigenza di raccogliere le suggestioni raccolte indicando un decalogo di interventi necessari a breve, medi e lungo termine per attenuare i conflitti nella zona e promuovere una sua diversa immagine e fruizione, Il consiglio ritiene infatti di dove individuare la necessitÓ di alcuni interventi urgenti, di alcuni progetti di di medio periodo, di alcune scelte strategiche
In via prioritaria,
1) interventi sull'igiene e la pulizia di piazze, portici e muri
2) interventi di arredo urbano che diano alla zona un'immagine pi¨ amichevole e siano funzionai alle esigenze di chi la frequenta: illuminazione pubblica nelle piazze, nelle vie e sotto i portici- cartellonistica, maggior dotazione di contenitori per raccolta differenziata, bacheche per studenti, panchine. Si fa notare come in Piazza Verdi non vi siano contenitori sufficienti alle esigenze della piazza.


Interventi di medio periodo:
3) CICLOPEDONALIZZAZIONE: un progetto di ciclo-pedonalizzazione della zona universitaria, con il duplice obiettivo di:
a) riorganizzare la viabilitÓ complessiva della zona, al fine di diminuire sensibilmente il traffico di auto, moto e
furgoni(limitando ai soli residenti, esercizi commerciali, veicoli di servizio e di soccorso):
b) favorire la mobilitÓ sostenibile di pedoni, cicli e utenti del trasporto pubblico, promuovendo una "fruizione lenta'' delle strade, che restituisca alla zona una dimensione molto pi¨ simile a "campus".
4) MEDIATORI SOCIALI: Maggior presenza di servizi sociali e mediatori di comunitÓ per monitorare e combattere il disagio giovanile, tramite indagine ed assistenza sui fenomeni dei punkbestia e sul consumo di droghe
5) SPAZI: Creazione di un punto di ascolto rivolto alla popolazione studentesche e gestito in accordo con gruppi di mediatori di comunitÓ, individuazione di spazi pubblici gratuite autogestiti per attivitÓ culturali.
6) CONTROLLI: Monitoraggio costante da parte della Polizia Municipale, sulle dinamiche della zona (controlli sul rispetto delle prescrizioni delle ordinanze comunali, verifica del livello delle emissioni sonore indotte dai locali e prodotte all'estemo dagli avventori).
7) SERVIZI: Ampliare l'orario dei bagni pubblici di via del Guasto e individuare altri servýzi igienici aggiuntivi a quelli dei locali pubblici.


Obiettivi strategici
8) Intesa fra enti del territorio: Intesa fra tutte le realtÓ istituzionali e associative presenti nella Zona. UniversitÓ, Comunale, Conservatorio. Pinacoteca, Accademia . Associazioni ecc- per iniziative culturali significative al fine del controllo e del recupero di quelle via e quelle piazze all'uso a cui sono vocale,
9) Piano di Valorizzazione commerciale: NecessitÓ di promuovere la partecipazione dý tutti i soggetti interessati e del Quartiere , ai sensi dell'art.8 della L.R. 14/99. in un "Piano di valorizzazione commerciale" che promuova progetti specifici e dia assetti compatibili a questa ampia area della cittÓ, con la residenza, il commercio, il turismo e la generale fruibilitÓ di un territorio anche di chi non vi risiede.
10) Contratto di sicurezza. Nell'ambito dell'auspicato Contratto di sicurezza fra Amministrazione comunale. Prefettura e Questura Ŕ necessario affrontare anche in modo repressivo il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, segnalando come nella zona. esso sia spesso svolto da minori cosa che rende necessario un coordinamento e u coinvolgimento dei servizi sociali.
Il Quartiere si impegna in un ruolo di osservatorio permanente tramite un Tavolo di Concertazione, per una verifica periodica dello stato d'avanzamento dei risultati e delle iniziative di volta m volta messe in campo.
Carmelo Adagio, Presidente Quartiere San Vitale